Campania, nuove misure per limitare la povertà Campania, nuove misure per limitare la povertà

Campania, nuove misure per limitare la povertà

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 6 aprile 2020 redazione 0

Se già in Campania la povertà è una realtà per migliaia di persone, da quando è scoppiata questa terribile emergenza sanitaria, con la chiusura... Campania, nuove misure per limitare la povertà

Se già in Campania la povertà è una realtà per migliaia di persone, da quando è scoppiata questa terribile emergenza sanitaria, con la chiusura di tutte le attività non necessarie, la situazione è diventata a dir poco drammatica, con addirittura milioni di persone che non hanno di cosa mangiare.

E proprio a costoro è rivolto l’operato del governatore Vincenzo De Luca, che ha annunciato un nuovo piano di aiuto per aiutare chiunque in questo momento difficile si trovi in una situazione di necessità.

“Mentre il Governo nazionale ha dato per tutti i Comuni d’Italia 400 milioni – spiega De Luca – solo la Campania investe 604 milioni. Sono fondi attinti dal bilancio regionale, da fondi di sviluppo e coesione, fondi europei entrati in programmazione ma non ancora impegnati, e fondi del Patto per la Campania. Noi abbiamo fatto una riprogrammazione di tutto. Gli interventi per le infrastrutture li abbiamo spostati sugli aiuti alle famiglie e alle imprese. Abbiamo di fronte un’emergenza che ci obbliga a dare respiro a persone e imprese. Da fine aprile – conclude – forse possiamo cominciare a pensare all’apertura della seconda fase del nostro Paese, ma tutto è legato all’evoluzione dell’epidemia”.

Per quanto riguarda le singole misure, si prevedrà un bonus di 500 euro per il Coronavirus dalla Regione per le famiglie della Campania che hanno un reddito Isee inferiore a 20mila euro all’anno. Contributo che scende a 300 euro per le famiglie che guadagnano meno di 35mila euro. Sono previsti poi aiuti per il sostegno ad imprese, aziende agricole e della pesca e lavoratori autonomi e contributi per i fitti delle case.

Nei mesi di maggio e di giugno prossimi, a tutti i pensionati che percepiscono dall’INPS un importo mensile inferiore a 1.000 euro la Regione Campania erogherà un contributo tale da garantire i 1.000 euro al mese. Poiché l’importo medio mensile erogato dall’Inps a questi soggetti è pari a 497 euro, la Regione Campania coprirà mediamente i restanti 503 euro.

Previsti fondi anche per il comparto del turismo – 30 mln – con il sostegno ai lavoratori stagionali impiegati in attività alberghiere ed extra alberghiere ad integrazione del contributo nazionale.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *