La crisi economica ha travolto anche il noto marchio J Crew La crisi economica ha travolto anche il noto marchio J Crew

La crisi economica ha travolto anche il noto marchio J Crew

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 7 maggio 2020 redazione 0

La crisi è implacabile: dopo due mesi di lockdown,  gli acquisti di moltissimi prodotti sono colati a picco o comunque hanno registrato pesanti cali.... La crisi economica ha travolto anche il noto marchio J Crew

La crisi è implacabile: dopo due mesi di lockdown,  gli acquisti di moltissimi prodotti sono colati a picco o comunque hanno registrato pesanti cali.

A farne le spese piccole e medie aziende ma anche i grandi colossi, che sovente si sono ritrovati sprovvisti della liquidità necessaria per affrontare il periodo.

Se nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato di Adidas, che ha chiesto addirittura aiuto al governo tedesco per non fallire, oggi vi parliamo di J.Crew, che naviga in acque bruttissime.

Nello specifico, quello che è uno dei più grandi e importanti rivenditori di vestiti e accessori degli Stati Uniti, ha fatto ricorso al Chapter 11, una legge fallimentare statunitense simile all’amministrazione straordinaria italiana, che consente di tenere aperta un’azienda in grave crisi a patto di pagare i creditori e avviare un piano di risanamento.

Il Chapter 11 non prevede quindi la chiusura dell’azienda ma viene usato, solitamente, per risanare l’azienda, saldare i debiti e chiudere i negozi o le attività non profittevoli.

«Mentre attendiamo di riaprire i nostri punti vendita il più rapidamente possibile e in sicurezza, questa ampia ristrutturazione finanziaria dovrebbe consentire alle nostre attività e ai nostri marchi di prosperare per i prossimi anni», afferma Jan Singer, l’amministratore delegato di J Crew.

J Crew ha raggiunto un accordo con i suoi creditori per ristrutturare il debito e si è assicurata una linea di credito da 400 milioni di dollari.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *