Cig, migliaia di aziende fittizie volevano approfittarne Cig, migliaia di aziende fittizie volevano approfittarne

Cig, migliaia di aziende fittizie volevano approfittarne

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 12 giugno 2020 redazione 0

La situazione è difficilissima per migliaia di famiglie italiane che rischiano di ritrovarsi senza nessuna entrata: tantissimi lavoratori, infatti, sono ancora in cassa integrazione,... Cig, migliaia di aziende fittizie volevano approfittarne

La situazione è difficilissima per migliaia di famiglie italiane che rischiano di ritrovarsi senza nessuna entrata: tantissimi lavoratori, infatti, sono ancora in cassa integrazione, e non sanno se le proprie aziende riusciranno a ripartire.

E, come se non bastasse, centinaia di migliaia di lavoratori ancora non hanno visto un euro, anche se il presidente Inps ha promesso che tutte le domande verranno evase entro la fine di questa settimana.

Ma, secondo un malcostume tutto italiano, ci si mettono anche i “furbetti” ad aggravare una situazione già per nulla rosea.

Il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, rispondendo a Zapping, su Radio 1, ha chiarito che diventeranno più serrati i controlli sulle domande di Cig pervenute in queste settimane.

“Non ci sono imprese da una parte, lavoratori dall’altra, governo dall’altra, tutti insieme dobbiamo percorrere questo tragitto difficile: so che ci sono state delle segnalazione di circa 2mila creazioni di aziende fittizie e, sembrerebbe, assunzioni retroattive. Su queste segnalazioni mi attiverò insieme all’ispettorato e al nucleo dei carabinieri collegato per le verifiche. Invece le imprese che si sono comportate bene vanno sostenute”.

«Sarebbe auspicabile che alle 9 settimane» di ammortizzatori «del Cura Italia si potessero aggiungere altre 9 settimane continuative: se ci fosse una proposta di questo genere» tra gli emendamenti al decreto Rilancio «avrebbe il mio parere favorevole», ha inoltre spiegato il ministro del Lavoro confermando anche l’idea che «gli ammortizzatori debbano essere garantiti per un ulteriore periodo, fino a dicembre, utilizzando anche i soldi che provengono dall’Europa del fondo Sure».

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *