Twitter è molto, ed anche di più

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 3 Marzo 2009 Il Conte 0

Sulla piattaforma di microblogging Twitter, tutto ruota attorno alla domanda: "Che stai facendo adesso?" con unico scopo quello di socializzare e di vivere in un’iperconnessione. Si...

Sulla piattaforma di microblogging Twitter, tutto ruota attorno alla domanda: "Che stai facendo adesso?" con unico scopo quello di socializzare e di vivere in un’iperconnessione. Si risponde con sms, messaggeria istantanea, e-mail, feed RSS brevi: centoquaranta caratteri. Subito. Sei milioni di utenti registrati dal 2006 da quando è nato. Facebook ha cercato di comprarlo, ora è Google che ci prova. Ma cosa suscita tanto interesse?

Forse perchè Twitter è molto, ed anche di più: un po’ Facebook, ma più leggero e immediato, spartano nella grafica come Google, non archivia notizie, le dà subito. È un social network, mette in contatto, ed al tempo stesso è microgiornalismo, haiku di articoli che possono persino cambiare il corso degli eventi, tutto in 140 battute di testo per segnalare prima di chiunque altro quello che succede.

Come logo un uccellino, per dare informazioni immediate, sul qui e ora nell’esatto qui e ora di tutti i "followers", gli interlocutori che ognuno può accettare di ascoltare (ma è possibile anche dialogare con tutti, senza restrizioni). Registrazione gratuita, poco altro da imparare per entrare nel concerto. Si pubblicano i twitt, frasi minimali su cosa si sta facendo in quell’esatto momento. Chi ha scelto di seguire legge, e risponde, e riceve, e rimanda in un’interminabile sequenza frazionata del tempo. Tutte le schegge di testo vengono pubblicate sulla Pubblic Timeline.

Dal settembre 2007 a quello successivo Twitter è diventato il social network che ha registrato il più alto incremento di utenti (+600%) e di visitatori unici (+343%). È molto indietro rispetto ai big del genere, ma a febbraio Compete. com, misuratore di accessi web, nella sua classifica l’ha piazzato per terzo: davanti ha solo MySpace e al primo posto Facebook, il più popolare di tutti (ieri di nuovo attaccato da hacker, la quinta volta in una settimana).

A novembre Facebook ha provato a comprare Twitter per 500 milioni di dollari, ma l’Obvious Corp, la società di San Francisco che fa capo ai tre 30enni californiani (Jack Dorsey, Evan Williams, Biz Stone) che l’hanno creato, hanno detto no grazie: "Vogliamo mantenere la nostra indipendenza".

Ma le trattative vanno avanti, e adesso anche rumors sull’interesse all’acquisto di Google. La disarmante facilità è una sua dote, e anche quell’intimità digitale che consente. Ma pure lo "stato d’ansia", altro significato di twitter, è interessante. Compulsivo desiderio della diretta, per dire i frammenti della vita in onda.

Fonte: LaRepubblica.it

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *