Calo di zucchero improvviso? Pensate al partner Calo di zucchero improvviso? Pensate al partner
Calo di zucchero improvviso? Pensate al partner In quanti di noi soffrono dei così detti cali di zuccheri? Arriva la soluzione economica e a portata... Calo di zucchero improvviso? Pensate al partner

Calo di zucchero improvviso? Pensate al partner

In quanti di noi soffrono dei così detti cali di zuccheri?

Arriva la soluzione economica e a portata di mano anzi di pensiero…

Pensare al proprio partner e immediatamente tutto sparisce.

Calo di zucchero improvviso? Pensate al partner

A sostenere questa tesi sono gli psicologi della University of Western Ontario, in Canada, secondo i quali fantasticare sull’amato aumenta il livello di glucosio nel sangue.

Lo studio, pubblicato sulla nota rivista scientifica Psychophysiology, è stato condotto tramite degli esperimenti su 183 volontari. È stato osservato che, meditando sulla persona amata per sei minuti, il livello di glucosio nel sangue si alzava e ne usciva migliorato anche l’umore, seppur per un breve periodo di tempo.

Secondo questa ricerca, quindi se si ha un calo di zuccheri in atto od una fase di cattivo umore, essa può essere superata con maggior facilità se si pensa al proprio partner. Il pensiero verso il proprio partner, maschio o femmina basta che sia amata, genera un aumento nei livelli di glucosio (zucchero) oltre che un netto miglioramento del proprio umore.

Di contro, quando ai partecipanti è stato chiesto di pensare a un amico o alla propria routine del mattino, si è verificato un leggero declino nei livelli di glucosio del sangue e nessun collegamento a un umore positivo.

“Pensare al proprio partner aumenta i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress – ha osservato Sarah Stanton, autrice principale dello studio -, e ciò può stimolare la produzione e il rilascio di glucosio nel corpo. Inoltre, può aumentare il rilascio di adrenalina che contribuisce pure lei al rilascio del glucosio”.

Speriamo solo che il partner non ci faccia venire strani pensieri….

Quale reazione potrebbe attenderci?

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.