Google, conti floridi nonostante la maxi multa di oltre 4 miliardi Google, conti floridi nonostante la maxi multa di oltre 4 miliardi

Google, conti floridi nonostante la maxi multa di oltre 4 miliardi

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 26 Luglio 2018 bizup 0

Negli ultimi mesi se ne è parlato abbondantemente, assecondando le indiscrezioni dei soliti ben informati, ma negli ultimi giorni è arrivata l’ufficialità: Google ha... Google, conti floridi nonostante la maxi multa di oltre 4 miliardi

Negli ultimi mesi se ne è parlato abbondantemente, assecondando le indiscrezioni dei soliti ben informati, ma negli ultimi giorni è arrivata l’ufficialità: Google ha ricevuto una multa di oltre 4 miliardi di euro dall’Unione Europa.

L’accusa è quella di abuso della posizione dominante di Android, della cui diffusione Google si sarebbe avvantaggiata soprattutto per favorire il suo motore di ricerca e il suo browser Chrome.

La Commissione Europea che ha emesso la multa da record pretende ora che, entro novanta giorni, Google “ponga fine al suo comportamento illegale”, il che significa che entro tre mesi la compagnia dovrebbe smettere di imporre l’installazione delle sue app ai produttori di smartphone e tablet con sistema operativo Android.

Google dal canto suo aveva provato ad accordarsi con l’Antitrust dell’Unione Europea in merito all’investigazione, ma si era mossa troppo in ritardo e con soluzioni poco convincenti.

Come racconta un report di Bloomberg  Google avrebbe cercato nel 2017 di venire a patti con l’Unione Europea, ma i tentativi della multinazionale americana non sono andati a buon fine per via dei lunghi tempi attesi per cercare di rispondere alle accuse. Lo scorso agosto Big G, dopo aver ricevuto una multa di circa 2,4 miliardi di euro, aveva inviato una lettera alla Commissione Europea in modo da proporre una soluzione per evitare il pagamento della multa.

Nella lettera si leggeva di due nuovi piani distinti per la distribuzione delle app al primo avvio sui dispositivi dei produttori di terze parti, anche se il contenuto non era per niente dettagliato in relazione alla presunta nuova strategia.

Google però non ha mai ricevuto una risposta a quella lettera da parte dell’Unione Europea e, stando a Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza, questo perché la lettera è arrivata in ritardo di almeno un anno.

Nessun accordo, quindi, e oltre 4 miliardi di multa da pagare, anche se, a onor del vero, i conti del colosso sono più che fiorenti.

Il colosso che controlla il motore di ricerca Google ha riportato profitti, anche sottratta la multa record da cinque miliardi della Ue, per 3,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre. Un risultato che ha battuto le attese: al netto della multa gli utili sono stati di 11,75 dollari per azione contro i 9,64 previsti.

Inoltre, il chief executive di Google, Sundar Pichai, ha confermato che l’azienda intende presentare appello contro la decisione della Ue.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *