Facebook ha condiviso “involontariamente” 1,5 milioni di e-mail Facebook ha condiviso “involontariamente” 1,5 milioni di e-mail

Facebook ha condiviso “involontariamente” 1,5 milioni di e-mail

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 22 Aprile 2019 bizup 0

Inutile nascondersi dietro ad un dito: errore o meno, Facebook ha combinato un gran bel guaio, “giocando” ancora una volta maldestramente con i dati... Facebook ha condiviso “involontariamente” 1,5 milioni di e-mail

Inutile nascondersi dietro ad un dito: errore o meno, Facebook ha combinato un gran bel guaio, “giocando” ancora una volta maldestramente con i dati sensibili della propria utenza.

Da anni ormai il social network sta affrontando numerosi problemi, sovente finito nell’occhio del ciclone per aver diffuso impropriamente dati sensibili di varia natura, e stavolta è toccato alle e-mail.

Nello specifico, Facebook ha dichiarato di aver caricato involontariamente online gli indirizzi email di 1,5 milioni di utenti inconsapevoli. I fatti riguarderebbero gli account registrati a partire da maggio 2016 e gli utenti in questione non hanno mai dato a Facebook il consenso per la pubblicazione dei loro dati.

È stato un ricercatore della sicurezza a notare e segnalare il problema: costui ha infatti notato che Facebook stava richiedendo in modo improprio le password delle caselle postali dei nuovi utenti, una pratica questa largamente condannata dagli esperti della sicurezza.

Stando a una fonte vicina al dossier, il fatto non avrebbe riguardato solo gli Stati Uniti.

Un portavoce del gruppo ha comunque precisato al sito Cnbc che quei contatti email, che Facebook starebbe ora rimuovendo, non sono stati condivisi con nessun’altra terza persona.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *