Google paga gli studenti per scansionare i loro volti Google paga gli studenti per scansionare i loro volti

Google paga gli studenti per scansionare i loro volti

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 26 Luglio 2019 bizup 0

Google sicuramente è tra i colossi che più sta lavorando allo sviluppo dell’intelligenza artificiale, ottenendo dei risultati di tutto rilievo. E non ha nessuna... Google paga gli studenti per scansionare i loro volti

Google sicuramente è tra i colossi che più sta lavorando allo sviluppo dell’intelligenza artificiale, ottenendo dei risultati di tutto rilievo.

E non ha nessuna intenzione di arrestare la sua corsa all’innovazione, che in questo periodo pare si stia concentrando sui volti e sul loro riconoscimento, per ottenere risultati quanto più veloci e affidabili possibili.

Stavolta il colosso ha deciso di inviare i suoi dipendenti per le strade di New York per chiedere ai passanti di farsi scannerizzare il volto in cambio di 5 dollari spendibili su Amazon o Starbucks.

Si tratta di un esperimento per potenziare il sistema di riconoscimento facciale che sarà presto utilizzato anche negli smartphone.

Lo ha svelato ZDNet, secondo cui a chi accetta viene consegnato uno smartphone protetto da una custodia esterna con il quale può effettuare la scansione del viso. Una volta fatta, il dipendente di Google consegna all’utente un buono Amazon o Starbucks da 5 dollari.

Non è peraltro la prima volta che succede: a maggio Amazon aveva avviato un’operazione simile che prevedeva una gift card da 25 dollari offerta a chi si faceva scansionare in 3D il corpo.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *