Twitter, inavvertitamente ha usato numeri ed email per pubblicità Twitter, inavvertitamente ha usato numeri ed email per pubblicità

Twitter, inavvertitamente ha usato numeri ed email per pubblicità

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 11 Ottobre 2019 bizup 0

Da molto tempo, ormai, tutti i grandi colossi social sono tenuti sotto stretta osservazione dal garante della privacy, dato che negli anni hanno dimostrato... Twitter, inavvertitamente ha usato numeri ed email per pubblicità

Da molto tempo, ormai, tutti i grandi colossi social sono tenuti sotto stretta osservazione dal garante della privacy, dato che negli anni hanno dimostrato più volte di aver avuto, per usare un eufemismo, “poca cura” dei dati sensibili dei propri utenti.

Ma le esose sanzioni che pure sono piovute copiose sembrano essere servite a ben poco, tanto che continuano a balzare agli onori della cronaca casi in cui i dati vengono usati per gli scopi più disparati, naturalmente senza alcuna autorizzazione.

Twitter proprio in queste ore si scusa per aver usato, “inavvertitamente” numeri di telefono e email degli utenti per scopi pubblicitari sebbene siano stati forniti solo per motivi di sicurezza.

“Quando fornite un indirizzo email o un numero di telefono per scopi di sicurezza, questi dati potrebbero essere stati usati inavvertitamente per scopi pubblicitari – ha dichiarato Twitter – è stato un errore e ci scusiamo”.

La società afferma di non poter “dire con certezza quante persone siano state colpite. Ma, nel tentativo di essere trasparenti, abbiamo voluto metterne tutti a conoscenza”. Il microblog assicura quindi: “Nessun dato personale è mai stato condiviso esternamente con i nostri partner o altre aziende esterne”.

In ogni caso si tratta di una problematica per fortuna superata: dal 17 settembre il problema è stato risolto, e il social assicura: “non stiamo più utilizzando a fini pubblicitari i numeri di telefono o gli indirizzi email raccolti per motivi di sicurezza. Non sono stati condivisi dati personali con nessuno dei nostri partner”.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *