Huawei, come finirà la questione del ban americano? Huawei, come finirà la questione del ban americano?

Huawei, come finirà la questione del ban americano?

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 19 Novembre 2019 redazione 0

Fosse per Donald Trump, Huawei non dovrebbe non solo avere più niente a che fare con le imprese nazionali, ma addirittura nessun americano dovrebbe... Huawei, come finirà la questione del ban americano?

Fosse per Donald Trump, Huawei non dovrebbe non solo avere più niente a che fare con le imprese nazionali, ma addirittura nessun americano dovrebbe più acquistare o possedere un device del colosso cinese.

E qualcuno gli dà anche ragione. Huawei è stata infatti definita inaffidabile da una persona con un incarico di alto rilievo del governo degli Stati Uniti, Wiliam Barr: “Il loro curriculum, così come le pratiche del governo cinese, dimostrano che Huawei e ZTE non possono essere affidabili. […] Non dovrebbe servire segnalare che Huawei e ZTE non sono altro che una minaccia alla nostra sicurezza collettiva, perché è esattamente quello che si sono dimostrati, attraverso le loro azioni.”

Eppure gli interessi in gioco sono così rilevanti che per ora è stata aumentata l’estensione della sospensione del ban verso Huawei, che attualmente non può commerciare con aziende americane a causa dell’ordine esecutivo firmato nel mese di maggio dal presidente Trump.

A differenza delle due precedenti sospensioni rispettivamente di 90 (da maggio) più 90 giorni (da agosto), questa volta si dovrebbe trattare di una misura più ridotta, pari a solo due settimane.

Il segretario del Commercio Wilbur Ross ha però confermato che ci sono alcuni ostacoli burocratici da superare per l’estensione di maggiore durata, che darà ossigeno agli operatori mobili impegnati nelle aree rurali degli Stati Uniti.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *