Lo smartphone si ricarica a distanza: la novità di Xiaomi Lo smartphone si ricarica a distanza: la novità di Xiaomi

Lo smartphone si ricarica a distanza: la novità di Xiaomi

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 11 Febbraio 2021 redazione 0

E se potessimo eliminare una volta per tutte i cavi per l’alimentazione quando abbiamo bisogno di ricaricare la batteria del nostro smartphone, in modo... Lo smartphone si ricarica a distanza: la novità di Xiaomi

E se potessimo eliminare una volta per tutte i cavi per l’alimentazione quando abbiamo bisogno di ricaricare la batteria del nostro smartphone, in modo da non avere più fili tra i piedi, ma continuando a utilizzare normalmente il dispositivo?

A quanto pare, Xiaomi vuole far diventare realtà quella che fino a poco tempo fa era solo fantasia. Mentre infatti la ricarica wireless è una tecnologia che esiste già da qualche tempo, l’azienda cinese produttrice di smartphone ha deciso di fare un passo in più annunciando un sistema che permette di ricaricare il proprio dispositivo a pochi metri di distanza, chiamato Mi Air Charge. Xiaomi sfrutta in questo caso la tecnologia beamforming, con l’utilizzo di una pila di ricarica che ha installate delle antenne a interferenza a cinque fasi in grado di rilevare con precisione la posizione di uno smartphone, per poi trasmettergli la ricarica wireless a distanza attraverso le onde emesse da un array di controllo di fase con 144 antenne; a sua volta, lo smartphone sarà dotato di un’antenna beacon che trasmette le informazioni sulla posizione alla base di ricarica e di un array di antenne riceventi che prendono il segnale dell’onda millimetrica e lo riconvertono in energia elettrica grazie ad un circuito.

Sembra ed è complicato, ma il risultato è che questa tecnologia consente di ricaricare il proprio telefono senza collegarlo a nulla, stando semplicemente a un paio di metri di distanza dalla pila di ricarica isolata auto-sviluppata. Mi Air Charge non è il primo progetto di questo tipo, con molte aziende che si sono trovate in difficoltà poi però quando si è trattato di dover commercializzare il prodotto; Xiaomi sembra invece intenzionata a far arrivare al grande pubblico la tecnologia di ricarica wireless a distanza, anche se oltre le specifiche tecniche ancora non si conosce molto di come e quando avverrà il lancio sul mercato. La società cinese ha infatti sottolineato che Mi Air Charge è ancora in una fase di demo tecnologica e sicuramente dovrà passare al vaglio di esami più attenti, sia dal punto di vista degli ostacoli implementativi e strutturali che altri fornitori hanno già dovuto affrontare in passato quando si sono affacciati su questo tipo di tecnologia, sia dal punto di vista degli eventuali problemi di salute che essa potrebbe causare: un aspetto, quest’ultimo, che sarà senz’altro esaminato con attenzione dalle varie autorità di regolamentazioni nazionali e internazionali.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *